Novità Legge di Bilancio 2022

Novità principali Legge di Bilancio 2022 in pillole.

  1. Utilizzo denaro contante

Dal primo gennaio 2022 in poi, il limite previsto per il trasferimento di denaro contante scende da 2.000 euro a 1.000 euro. Il divieto scatterà già per importi uguali a euro 1.000, pertanto l’utilizzo di contante è ammesso fino a 999,99 euro.

Il limite si applica anche al trasferimento

  • di libretti di deposito bancari o postali al portatore
  • di titoli al portatore in euro o in valuta estera
  1. Riduzione dell’imposta sui redditi delle persone fisiche (IRPEF).

Le nuove aliquote dell’imposta sulle persone fisiche sono: 23%, 25%, 35%, 43%. Il nuovo metodo di calcolo delle detrazioni prevede che il bonus di 100 euro resti per i redditi fino a 15.000 euro (primo scaglione IRPEF).

Verrà  accorpata l’Agenzia delle Entrate all’Ente di Riscossione.

  1. Partite IVA: abolizione dell’Irap dal 2022 per i lavoratori autonomi, le ditte individuali, e i professionisti non aderenti al regime forfetario.

Si ricorda che coloro i quali aderivano al regime forfetario ne erano già esclusi.

La modifica normativa allarga l’esclusione a tutti coloro che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo personalmente e individualmente. L’ultimo versamento Irap dovuto sarà il saldo (eventuale) dell’imposta 2021, da versare a giugno 2022, dato che l’esonero dall’imposta decorre dall’anno fiscale 2022.

Restano perciò soggetti a Irap:

  • gli studi professionali associati;
  • le società di persone;
  • le società di capitali;
  • gli enti commerciali in generale;
  • gli enti del terzo settore.
  1. Stop all’iva per il terzo settore

Rinviata di due anni, fino al 2024, l’entrata in vigore del regime IVA per il terzo settore. Dal 1° gennaio del 2022 anche gli enti non profit che non svolgono attività commerciale avrebbero dovuto aprire la partita IVA. Con la proposta di modifica si rinvia l’entrata in vigore della norma fino al 2024. Bloccati dunque, gli effetti del Decreto Legge Fiscale per due anni

  1. Pagamento cartelle: scadenza di 180 giorni per le notifiche fino al 31 marzo 2022

Il termine per il pagamento senza interessi di mora, delle cartelle notificate dal 1° gennaio al 31 marzo 2022 passa da 60 a 180 giorni. La norma prevede inoltre che nel caso di inadempienze di una o più cartelle di pagamento, per  importi superiore a 5.000 euro, verranno bloccate le erogazioni da parte dell’Agenzia delle entrate dei contributi a fondo perduto (comma 653).

  1. Opzione donna- Ape Sociale- Pensioni quota 102

Previste proroghe per il 2022 per misure di flessibilità in uscita.

Opzione Donna: prorogata con i requisiti attuali che prevedono la possibilità di uscita a 58 anni (o 59 in caso di lavoro autonomo), posto che entro il 31 dicembre 2021 le lavoratrici abbiano maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni

Ape sociale: viene anche cancellato il vincolo che destinava l’indennità ai disoccupati che avessero terminato il trattamento di disoccupazione da almeno 3 mesi.

Inoltre Edili e ceramisti  potranno andare in pensione anticipata aderendo all’Ape sociale con 32 anni di contributi e compiuti 63 anni di età.

Quota 102, solo per un anno.  Solo nel 2022 sarà possibile andare in pensione anticipata con 64 anni di età e 38 anni di contributi. Non c’è penalizzazione sul calcolo della pensione. Inoltre, arriva un fondo al MISE per favorire l’uscita anticipata dal lavoro, su base convenzionale, dei lavoratori dipendenti di piccole e medie imprese in crisi, che abbiano raggiunto un’età anagrafica di almeno 62 anni

  1. Proroga Superbonus e altri Bonus casa.

Proroga del Superbonus per il 2022 anche per le abitazioni monofamiliare e per le villette. Per i condomini la proroga è stata fissata al 2023, con successivo decalage. Ovvero arriverà al 70% per il 2024 e al 65% per il 2025.

Eliminazione del tetto ISEE (inizialmente era prevista una soglia massima di 25mila euro) per le villette unifamiliari. Stop anche alle limitazioni alla prima casa e ai riferimenti alla Cila. E’ stato invece confermato come requisito fondamentale l’aver effettuato almeno il 30% dei lavori (oppure dei pagamenti) entro il 30 giugno 2022 per godere della proroga fino a fine 2022. Per i comuni colpiti dagli eventi sismici il Superbonus è prorogato fino a fine 2025.

Per quanto riguarda gli altri Bonus sul mondo della casa tutti restano attivi fino al 2024. Si ricordano Ecobonus,  bonus verde , il bonus mobili (10.000 euro),  bonus TV e decoder che saranno consegnati a casa agli anziani over 70,  bonus   per i filtri dell’acqua.

Misure di incentivo anche per l’installazione di impianti fotovoltaici e di colonnine di ricarica per auto elettriche, con tetti di spesa invariati. Dal 2023, si torna al bonus ristrutturazioni al 50% oppure, per ottenere l’Ecobonus del 65%, bisognerà procedere con i rifacimento del ”cappotto energetico” e non solo tinteggiare.

Novità invece per quanto riguarda il Bonus facciate che è stato esteso solo per il 2022 e con una percentuale ridotta al 60%.

Introduzione del Bonus per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Si tratta di una detrazione del 75% da ripartire in cinque anni per lavori volti ad abbattere le barriere architettoniche nelle abitazioni per tutto il 2022. E’ previsto un tetto di spesa fino a 50.000 euro per gli edifici unifamiliari. Il tetto scende a 40.000 euro per le unità immobiliari condominiali che abbiano fino a 8 appartamenti e scende ulteriormente a 30.000 euro il  per quelle superiori a otto appartamenti. Il bonus spetta anche per gli impianti di automazione (tipo ascensori) volti ad abbattere le barriere architettoniche.

8.       Mutuo prima casa per i giovani under 36

Prorogato lo sconto sul mutuo prima casa dei giovani under 36.

9.       Sconto sugli affitti per gli under 31

I giovani di età compresa fra i 20 e i 31 anni non compiuti, che stipulano un contratto di locazione per l’intera unità immobiliare o porzione di essa da destinare a propria abitazione principale (diversa dall’abitazione principale dei genitori o di coloro cui sono affidati dagli organi competenti), che possiedono un reddito complessivo non superiore a 15.493,71 euro, possono usufruire di un bonus per i primi quattro anni, di una detrazione dall’imposta lorda pari al 20% dell’ammontare del canone di locazione entro il limite massimo di 2.000 euro.

10.    Agevolazioni per attività sportive

Si estende infine all’anno 2022 la possibilità di fruire del credito d’imposta per le erogazioni liberali per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche, cosiddetto Sport bonus

11.   Agevolazioni per attività sportive

Sospensione versamenti per gli enti sportivi.

I soggetti che possono beneficiare delle sospensioni sono:  federazioni sportive nazionali; enti di promozione sportiva; associazioni sportive professionistiche; società sportive professionistiche; associazioni sportive dilettantistiche; società sportive dilettantistiche, a condizione che esse abbiano il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato e siano operative nell’ambito di competizioni in corso di svolgimento ai sensi del Dpcm 24 ottobre 2020 cioè quelle riconosciute di in interesse nazionale, sia nei settori professionistici sia dilettantistici, dal CONI e dal CIP.

Per i soggetti di cui sopra sono sospesi i termini relativi:

a) ai versamenti delle ritenute alla fonte, di cui agli articoli 23 e 24 DPR 600/1973, (lavoro dipendente ed assimilato) che i predetti soggetti operano in qualità di sostituti d’imposta, dal 1° gennaio 2022 al 30 aprile 2022;

b) agli adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, dal 1° gennaio 2022 al 30 aprile 2022;

c) ai versamenti relativi all’imposta sul valore aggiunto in scadenza nei mesi di gennaio, febbraio, marzo e aprile 2022;

d) ai versamenti delle imposte sui redditi in scadenza dal 10 gennaio 2022 al 30 aprile 2022.

I versamenti sospesi possono essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, nei seguenti modi:  in unica soluzione entro il 30 maggio 2022  mediante rateizzazione fino ad un massimo di 7 rate di cui il 50% dal 30 maggio 2022 al 30 novembre 2022, ed il restante 50 % entro il 16 dicembre 2022

Non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.

12.    Sgravio contributivo del 100 per cento per tre anni per chi assume con contratto di apprendistato a favore delle micro imprese per contratti di apprendistato di primo livello rivolti a giovani under 25. Questo incentivo riguarda le aziende che hanno meno di 9 dipendenti. La misura è sui contratti di primo livello per ottenere la qualifica e il diploma professionale, il diploma delle superiori e il certificato di specializzazione tecnica superiore.

13.   Taglio contributi per redditi bassi ai dipendenti

Per i periodi di paga dal primo gennaio al 31 dicembre 2022, i lavoratori dipendenti con redditi bassi (fino a 2.692 euro lordi al mese) beneficiano di uno sconto dei contributi previdenziali di 0,8 punti percentuali.

14.   Cambia il reddito di cittadinanza

Dal 1° gennaio 2022, il Reddito di Cittadinanza verrà ridotto di 5 euro al mese a partire dal primo rifiuto di una proposta di lavoro. Il limite di rifiuto delle offerte di lavoro scende da tre a due. Si perde dal 2022 il diritto al sussidio in caso di non accettazione di una delle due offerte di lavoro ricevute (fino al 31 dicembre 2021 il limite è tre).

Importante novità, se nella domanda di Rdc non è compilata la dichiarazioni d’immediata disponibilità al lavoro, la domanda viene scartata.

I Comuni dovranno impiegare almeno un terzo dei percettori del Reddito residenti nel territorio in progetti utili alla collettività.

15.   Riduzione iva sui prodotti assorbenti e tamponi, destinati alla protezione dell’igiene femminile invece, sono soggetti a un’IVA del 9% dal 1° gennaio 2022.

16.   Bollette, aiuti per le famiglie

Introdotta la possibilità da gennaio ad aprile 2022, di dilazionare in dieci rate le bollette. Nel primo trimestre sono stati annullati gli oneri di sistema per le utenze della luce fino a 16kwh. Scende al 5% l’Iva sul gas, ed anche sul gas sono stati tagliati gli oneri di sistema.

17.    Tassa occupazione suolo pubblico

Azzeramento della “tassa sui tavolini” per i primi tre mesi del 2022. Si tratta dell’azzeramento nel primo trimestre del Cup (canone unico patrimoniale, vale a dire l’ex Tosap o Cosap) per bar ristoranti e per i commercianti ambulanti.

18.   Aiuti per imprese

Istituito il “Fondo per la transizione industriale”

Prevista la proroga degli incentivi trasforazione 4.0 e  della Nuova Sabatini. Rifinanziato il Fondo di Garanzia per le PMI, il Fondo Nuove competenze ; nuove risorse in arrivo per l’internazionalizzazione delle imprese ed extra per l’export.

19.    Esonero contributivo sulle nuove assunzioni con contratto di rioccupazione

 

 

Gentilissimi Clienti, seguiranno a breve circolari specifiche per le varie tipologie di clienti, suddivise per settori, al fine di effettuare una corretta pianificazione fiscale e poter usufruire di tutti i bonus  in considerazione di quanto emanato con la finanziaria 2022:

–           Imprese individuali

–           Società

–           Professionisti

–           Mondo Sportivo

–           Mondo Culturale

–           Terzo settore

–           Bonus

–           Interesse generale

Lo studio come sempre resta a disposizione per approfondire con ciascuno di Voi gli argomenti di Vostro maggiore interesse.

Varese, 17 gennaio 2022.