Autore: Relations

Aside

Nota dell’Associazione Nazionale Consulenti Tributari sulla missiva del Presidente Nazionale dei Commercialisti, Elbano de Nuccio.

Con riferimento alla lettera inviata dal Presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili al Ministro delle Imprese e del Made in Italy e riportata da alcuni organi d’informazione, A.N.CO.T – Associazione Nazionale Consulenti Tributari: “sottolinea con forza come le attività di redazione delle dichiarazioni fiscali, gli adempimenti di natura tributaria, la tenuta della contabilità aziendale e la redazione del bilancio siano libere e non riservate in via esclusiva a nessuna categoria professionale, potendo dunque essere legittimamente svolte dai tributaristi. E ciò è orientamento consolidato da parte della giurisprudenza della cassazione penale, che proprio con la sentenza delle sezioni unite n. 11545 del 23 marzo 2012 (citata nella missiva), ha avuto modo di chiarire in via definitiva come la legge istitutiva di dottore commercialista e ragioniere (di cui ai DPR nn. 1067 e 1068 del 1953) e il D.Lgs. n. 139/2005, che ha formato il c.d. Albo Unico dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, non ha attribuito a tali professioni alcuna attività di competenza esclusiva. Del resto, tale principio era stato sancito dalla Corte Costituzionale già nel lontano 1996 (sentenza n. 418 del 1996). Inoltre, anche il riferimento che viene fatto alla Circolare del Ministero del 24 marzo 2022, è incoerente e fuorviante. Ed infatti, il Tar Lazio, con la sentenza n. 6021 del 2021, ha confermato la legittimità dell’iscrizione delle associazioni dei tributaristi nell’elenco di cui all’art.2 Legge 4 del 2013. La polemica innescata quindi dal Presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili lascia veramente sgomenti, e si pone come strumentale per difendere una posizione di categoria superata dalla storia, oltre che respinta dalla giurisprudenza della Corte Costituzionale, della Corte di Cassazione e dalla magistratura amministrativa.”

Ufficio stampa A.N.CO.T

Decreto Legge “Milleproroghe 2023” E’ stata rinviata al 1° luglio 2023 l’entrata in vigore della riforma sul lavoro sportivo D.lgs. n.36/2021. Il Consiglio dei Ministri ha precisato che la disciplina sui c.d. “compensi sportivi” (ex art. 67, co. 1, lett. m), TUIR) verrà abrogata…

Nasce il concetto di lavoratore sportivo.

DECRETO “CORRETTIVO” al DLGS. n. 36/2021  ed all’art. 67, CO. 1, LETT. M), TUIR Cambia dal 2023 per le associazioni sportive e le società sportive dilettantistiche, la gestione tributaria e previdenziale dei compensi sportivi. Si parla ora di lavoratori impiegati…

IVA ATTIVITA’ SPORTIVA

Ancora oggi, vedo negli addetti molta confusione in merito ai corrispettivi da assoggettare ad iva per le asd e per le ssd. Svolgere un’attività riconosciuta e disciplinata dal Coni, da una Federazione o da un ente di Promozione sportiva, non…

Novità Legge di Bilancio 2022

Novità principali Legge di Bilancio 2022 in pillole. Utilizzo denaro contante Dal primo gennaio 2022 in poi, il limite previsto per il trasferimento di denaro contante scende da 2.000 euro a 1.000 euro. Il divieto scatterà già per importi uguali…

RUNTS OPERATIVO DAL 23/11/2021

Con la pubblicazione sul sito del Ministero del Lavoro del DM n. 561 del 26/10/2021 (in attesa di pubblicazione in G.U.), è stata fissata al prossimo 23/11/2021 la data in cui diventerà operativo il Registro unico nazionale del Terzo settore…

PROROGA CONI AL 31 DICEMBRE 2021.

Con Delibera 1692 del 07/07/2021, il Consiglio Nazionale del CONI ha prorogato al 31 dicembre 2021 la valutazione delle attività sportive, didattiche e/o formative svolte dalle a.s.d. e a.s.d. dilettantistiche affiliate agli Organismi sportivi ed iscritte al Registro nazionale CONI.…